Home » CBD News » CBD non è una panacea. Ecco cosa dice la scienza sui suoi reali benefici per la salute
cbd benefici scienza

CBD non è una panacea. Ecco cosa dice la scienza sui suoi reali benefici per la salute

L’interesse per il cannabidiolo (CBD) derivato dalla cannabis è esploso dopo l’approvazione del Farm Bill del 2018. Questa legge ha reso legale la coltivazione dell’industrial hemp, una pianta ricca di CBD, portando alla scoperta di numerose proprietà medicinali di cui potrebbero beneficiare milioni di persone, in particolare per il trattamento di disturbi convulsivi, dolore o ansia.

Prima della sua approvazione, la resistenza alla legalizzazione del CBD era dovuta alla sua associazione con la marijuana. Nonostante appartenessero alla stessa specie di pianta, Cannabis sativa, il CBD e la marijuana hanno una composizione chimica differenti, con caratteristiche ed effetti molto diversi. La marijuana contiene tetraidrocannabinolo (THC), il composto che produce l’euforia associata alla cannabis.

In qualità di professore e preside del dipartimento di farmacologia presso la Penn State, Il dott. Kent E Vrana segue da vicino gli sviluppi della ricerca sul CBD e ha visto alcuni risultati promettenti per il suo ruolo nel trattamento di un’ampia gamma di condizioni mediche.

Anche se ci sono prove crescenti che il CBD possa aiutare in alcune condizioni, è necessaria prudenza. Sono necessari rigorosi studi scientifici, quindi è importante che il marketing dei prodotti a base di CBD non si metta avanti rispetto alla ricerca e alle robuste evidenze. Prima di acquistare qualsiasi prodotto a base di CBD, il professore raccomanda di parlarne con un medico.

L’eccitazione intorno al CBD

La preoccupazione principale riguardo al marketing del CBD è che la comunità scientifica non è sicura della forma migliore di CBD da usare. Il CBD può essere prodotto come un composto puro o una miscela complessa di molecole derivanti dalla canapa che costituiscono l’olio di CBD. Il CBD può anche essere formulato come crema o lozione topica, o come caramelle gommose, capsule o tintura.

Sono necessarie linee guida, supportate dalla ricerca clinica, per la dose migliore e la forma di somministrazione del CBD per ogni condizione medica. Tale ricerca è ancora in corso.

Ma nel frattempo, il richiamo del mercato ha creato un ambiente in cui il CBD viene spesso definito come una panacea, un elisir per l’insonnia, l’ansia, il dolore neuropatico, il cancro e le malattie cardiache.

Purtroppo, esistono poche prove scientifiche rigorose a sostegno di molte di queste affermazioni, e gran parte della ricerca esistente è stata effettuata su animali.

Il CBD non è semplicemente una cura per tutti i problemi di salute

Il CBD è stato dimostrato essere un integratore sicuro ed efficace per i disturbi convulsivi, in particolare nei bambini.

Nel 2018, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso l’approvazione regolamentare per l’uso di un prodotto purificato di CBD venduto con il nome di marca Epidiolex per il trattamento delle sindromi di Lennox-Gastaut e Dravet nei bambini.

Queste due sindromi rare, che si manifestano precocemente nella vita, producono un gran numero di crisi epilettiche frequenti che sono resistenti ai trattamenti tradizionali dell’epilessia. Il CBD somministrato come soluzione orale Epidiolex, tuttavia, può produrre una riduzione significativa – superiore al 25% – della frequenza delle crisi epilettiche in questi bambini, con il 5% dei pazienti che riesce ad eliminare totalmente queste crisi.

Più di 200 studi scientifici

Il CBD è ciò che i farmacologi definiscono un farmaco/integratore promiscuo. Ciò significa che potrebbe essere efficace nel trattamento di numerose condizioni cliniche. In termini generali, il CBD influenza più di un processo nel corpo – un termine chiamato polifarmacologia.

All’inizio del 2023, ci sono 202 studi scientifici in corso o completati che esaminano l’efficacia del CBD sugli esseri umani per diverse patologie, come il dolore cronico, i disturbi da uso di sostanze, l’ansia e l’artrite.

In particolare, il CBD sembra essere un agente antinfiammatorio e analgesico, simile alle funzioni dell’aspirina. Ciò significa che potrebbe essere utile per il trattamento da dolore infiammatorio, come l’artrite, o mal di testa e dolori muscolari.

Il CBD ha anche il potenziale per essere utilizzato nella terapia del cancro, anche se non è stato approvato dalla FDA per questo scopo.

Il potenziale del CBD nel contesto cancro è duplice:

In primo luogo, c’è la prova che può uccidere direttamente le cellule tumorali, migliorando la capacità delle terapie tradizionali di trattare la malattia. Ciò non significa che il CBD sostituisce tali terapie tradizionali; i dati non sono così convincenti.

In secondo luogo, grazie alla sua capacità di ridurre il dolore e l’ansia, l’aggiunta di CBD a un piano di trattamento potrebbe ridurre gli effetti collaterali e aumentare la qualità della vita delle persone affette da cancro.

I rischi del CBD non regolamentato

Sebbene il CBD prescritto sia sicuro quando usato come indicato, altre forme di questa molecola presentano rischi. Ciò è particolarmente vero per gli oli di CBD. L’industria degli oli di CBD da banco non è regolamentata e non necessariamente sicura, poiché non ci sono requisiti normativi per monitorare ciò che contiene un prodotto. L’olio di CBD è considerato sicuro ma va scelto con oculatezza il prodotto da acquistare. Va acquistato l’olio di CBD solo da aziende serie e che seguono regole sulla sicurezza.

Inoltre, la scienza non supporta le affermazioni di marketing non comprovate fatte da molti produttori di prodotti a base di CBD.

In un commento del 2018, l’autore descrive i risultati del proprio studio, pubblicato in olandese (nel 2017). Il suo team ha ottenuto campioni di prodotti a base di CBD da pazienti e ne ha analizzato il contenuto. Praticamente nessuno dei 21 campioni conteneva la quantità di CBD pubblicizzata; anzi, 13 avevano poco o niente CBD e molti contenevano livelli significativi di THC, il composto della marijuana che porta a uno stato di euforia – e che non avrebbe dovuto essere presente.

Inoltre, gli studi hanno dimostrato che c’è poco controllo dei contaminanti che possono essere presenti nei prodotti da banco. La FDA ha emesso decine di lettere di avviso alle aziende che commercializzano farmaci non approvati contenenti CBD. Nonostante la commercializzazione degli oli di CBD come prodotti naturali derivati dalle piante, i consumatori dovrebbero essere consapevoli dei rischi di composti sconosciuti nei loro prodotti o di interazioni non intenzionali con i loro farmaci prescritti.

Le linee guida normative per il CBD sono ancora carenti. Più recentemente, nel gennaio 2023, la FDA ha concluso che il quadro normativo esistente non è “appropriato per il CBD” e ha detto che lavorerà con il Congresso per tracciare una via da seguire. In una dichiarazione, l’agenzia ha affermato che “è necessario un nuovo percorso normativo per il CBD che bilanci il desiderio delle persone di accedere ai prodotti di CBD con la vigilanza normativa necessaria per gestire i rischi”.

Come prodotto naturale, il CBD agisce ancora come un integratore ma per molti come un farmaco, proprio come l’aspirina, l’acetaminofene o anche una chemioterapia per il cancro. I professionisti sanitari devono semplicemente comprendere meglio i rischi o i benefici.

Il CBD potrebbe interagire con il corpo in modi non intenzionali. Il CBD viene eliminato dal corpo dagli stessi enzimi epatici che rimuovono una varietà di farmaci come gli antidepressivi e i farmaci per i trapianti di organi. Aggiungere l’olio di CBD all’elenco dei propri farmaci senza consultare un medico potrebbe essere rischioso e interferire con i farmaci prescritti.

Nel tentativo di prevenire queste interazioni indesiderate, il Dr. Paul Kocis, un farmacista clinico ed il professore da cui abbiamo preso i dati per creare questo articolo, hanno creato un’applicazione online gratuita chiamata la CANNabinoid Drug Interaction Resource. Questa applicazione è molto interessante perché dice come il CBD potrebbe interagire potenzialmente con altri farmaci che stai assumendo. E noi incoraggiamo tutte le persone a comunicare sia l’uso di CBD da banco o di marijuana ricreativa o medica al loro medico curante per evitare interazioni indesiderate tra farmaci.

Marco Cinofilini

Proprietario di un’erboristeria e sostenitore del CBD come rimedio naturale per trattare diverse condizioni di salute.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 potenziali effetti collaterali dell’olio di CBD per cani: leggi questo prima di utilizzarlo

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?