Home » CBD News » Piccole dosi di CBD possono aiutare i fumatori a smettere, secondo uno studio
CBD per smettere di fumare sigarette

Piccole dosi di CBD possono aiutare i fumatori a smettere, secondo uno studio

Smettere di fumare nicotina è molto più facile a dirsi che a farsi, ma i ricercatori della Washington State University sostengono che il CBD può essere un trattamento efficace per aiutare le persone a smettere di fumare sigarette. Il loro studio rivela che il CBD può ostacolare il metabolismo della nicotina, il che dovrebbe aiutare i fumatori a controllare il desiderio di fumare.

Che cos’è il CBD?

Il cannabidiolo (CBD) non è psicoattivo e non produce l’effetto “euforico” tipico della cannabis. In questi ultimi anni il CBD è esploso in popolarità come sostanza singola, con molte persone che ne attribuiscono effetti terapeutici che spaziano dal sollievo dello stress al miglioramento del sonno. Sebbene la validità di queste affermazioni sia ancora oggetto di dibattito, queste ultime scoperte indicano fortemente che il CBD potrebbe essere in grado di aiutare i fumatori a smettere.

Il CBD rallenta il metabolismo della nicotina

I ricercatori hanno testato gli effetti del CBD e del suo metabolita principale sui tessuti epatici umani e su campioni cellulari, rivelando che ha inibito un enzima chiave per il metabolismo della nicotina. Per i fumatori, rallentare il metabolismo potrebbe aiutarli a resistere più a lungo tra una sigaretta e l’altra. Per essere chiari, sebbene questi risultati siano promettenti, ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi effetti negli esseri umani e determinare i livelli di dosaggio appropriati.

La riduzione del danno causato dal fumo

Le sigarette rimangono una grande preoccupazione per la salute in Italia, con un italiano su cinque che muore ogni anno a causa di patologie correlate al fumo. Sebbene molti le considerino meno dannose, i metodi alternativi di somministrazione della nicotina, come il vaping, lo snuff e la masticazione, contengono anche sostanze chimiche che possono causare il cancro e diverse altre malattie.

Per questo studio, il team di ricerca ha testato il CBD su microsomi raccolti dal tessuto epatico umano. Hanno anche testato il CBD su microsomi da linee cellulari specializzate. Questo approccio ha permesso agli autori dello studio di concentrarsi sui singoli enzimi correlati al metabolismo della nicotina.

Ciò ha portato alla scoperta che il CBD ha inibito diversi di questi enzimi, compreso quello principale coinvolto nel metabolismo della nicotina (CYP2A6). Altri studi rivelano che oltre il 70% della nicotina viene metabolizzata dal CYP2A6 nella maggior parte degli utilizzatori di tabacco. Il CBD sembra influire in modo significativo su questo particolare enzima, inibendo la sua attività del 50% – anche a concentrazioni relativamente basse di CBD.

In altre parole, sembra che non sia necessaria una grande quantità di CBD per vedere l’effetto sui fumatori. Come conclude il Prof. Lazarus: “non sembra quindi che sia necessario molto CBD per vedere questo effetto”.

Uno studio clinico in corso

Il team del Prof. Lazarus sta attualmente lavorando a uno studio clinico che esamina gli effetti del CBD sui livelli di nicotina nei fumatori, misurando la nicotina nel loro sangue e confrontandola con quella dei fumatori che assumono un placebo nel corso di sei-otto ore. In futuro, i ricercatori prevedono di condurre uno studio molto più ampio analizzando la dipendenza da CBD e nicotina.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Chemical Research in Toxicology. In definitiva, questi ultimi risultati sono una buona notizia per i fumatori che cercano di smettere di fumare. Anche se ulteriori ricerche sono necessarie per confermare l’efficacia del CBD come trattamento per la dipendenza da nicotina, questo studio offre una luce di speranza per coloro che lottano per smettere di fumare e migliorare la loro salute.

Marco Cinofilini

Proprietario di un’erboristeria e sostenitore del CBD come rimedio naturale per trattare diverse condizioni di salute.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?

Cos’è successo al 33° Raduno Annuale dell’International Cannabinoid Research Society (ICRS)? Quali sono le nuove scoperte a tema CBD?