Home » CBD News » Il CBD aiuta con l’acufene?
CBD acufene

Il CBD aiuta con l’acufene?

Un rimedio naturale per questi fastidiosi suoni?

Di recente, mio marito è tornato da una serata con gli amici con un ronzio in un orecchio e un’udito notevolmente peggiorato. Era un chiaro segnale di un danno causato dallo stare troppo vicino a un altoparlante. Forse mi ha ingannato e stava in discoteca? Chissà. Era comunque arrabbiato con se stesso per essere stato così sprovveduto. Per alcuni giorni ha dormito di più per favorire il recupero e, per sicurezza, ha assunto una dose extra di olio di CBD.

Per molte altre persone di tutte le età, l’acufene è una condizione cronica che non dipende dalla vicinanza ad altoparlanti in piccoli locali. I fattori di rischio coprono un’ampia gamma di condizioni fisiche e psicologiche, tra cui commozione cerebrale, fumo, alcuni farmaci, infezioni all’orecchio, pressione alta, ansia, depressione e, più comunemente, perdita dell’udito legata all’età.

L’acufene non si limita al ronzio. Tecnicamente, si tratta della percezione di un suono originato all’interno del sistema nervoso che non è legato a stimoli esterni.

L’acufene può manifestarsi anche come brusio, sibilo, clic o fruscio. Qualunque sia la natura esatta del suono fantasma, spesso si accompagna a una serie di sintomi legati alla difficoltà che questa condizione può causare:

  • problemi di sonno,
  • difficoltà di concentrazione,
  • umore basso,
  • ecc.

Le stime variano, ma solo in Italia è probabile che oltre 3 di milioni di persone soffrano di acufene cronico.

L’acufene di mio marito si è attenuato e il suo udito è migliorato gradualmente nel corso di alcuni giorni. Il CBD che ha assunto potrebbe aver aiutato o meno, ma secondo un recente sondaggio su pazienti affetti da acufene, non era l’unico a provarci o, perlomeno, ad essere interessato alla cannabis come possibile rimedio.

Sintomi uditivi e non solo

Il sondaggio, i cui risultati sono stati pubblicati nel febbraio 2023 nel Journal of Otolaryngology – Head & Neck Surgery, ha valutato le percezioni e il consumo di cannabis tra 45 pazienti adulti affetti da acufene, selezionati e reclutati casualmente presso un ambulatorio otorinolaringoiatrico in Ontario, Canada.

Tra i 45 intervistati, con un’età media di 55 anni, solo 10 hanno dichiarato di essere attualmente consumatori di cannabis (19 non avevano mai usato cannabis, e 16 avevano usato cannabis in passato). Tuttavia, degli attuali 10 utenti, otto hanno riferito che la cannabis li ha aiutati a mitigare alcuni dei sintomi legati all’acufene, seppur non necessariamente il suono in sé. Sette degli otto l’hanno trovata utile per i disturbi del sonno, sette per il dolore, sei per i problemi emotivi, quattro per le difficoltà funzionali e tre per i sintomi di vertigini. Solo tre dei dieci hanno trovato la cannabis utile per i sintomi uditivi caratteristici dell’acufene.

Tuttavia, molti più pazienti erano disposti a provarla, forse a causa della difficoltà nel trattare l’acufene cronico. A parte due, tutti i 45 intervistati hanno affermato che avrebbero preso in considerazione la cannabis come trattamento, con 29 che cercavano aiuto per i disturbi del sonno, 27 per i problemi emotivi, 25 per i disturbi funzionali e nove per il dolore. È interessante notare, però, che 41 dei 45 partecipanti hanno dichiarato che utilizzerebbero la cannabis per i sintomi uditivi.

Curiosamente, e forse sfortunatamente per i pazienti che vorrebbero provare la cannabis, ricerche precedenti effettuate nel 2020 e 2019 hanno anche concluso che non vi erano prove sufficienti per affermare che la cannabis riesca ad attenuare l’acufene cronico.

Una ricerca di dicembre 2020 pubblicata nel giornale Laryngoscope Investigative Otolaryngology, condotta da ricercatori della Yale University e dell’University of Connecticut, affronta direttamente la questione. Il titolo dell’articolo è: “La cannabis allevia l’acufene? Una revisione della letteratura attuale.”

Cosa hanno scoperto?

“Sebbene gli studi sugli animali abbiano rivelato che i recettori dei cannabinoidi hanno probabilmente un ruolo nella modulazione del segnale uditivo, non esistono dati convincenti, né da studi su animali né umani, sull’uso dei cannabinoidi per alleviare l’acufene.”

Infatti, alcune ricerche su animali suggeriscono che la somministrazione di cannabinoidi potrebbe in realtà indurre o peggiorare l’acufene. È quello che sembrava accadere nei ratti a cui sono stati iniettati gli agonisti sintetici CB1 WIN55,212‐2 e CP55,940 in uno studio del 2010 e THC e CBD in un rapporto 1:1 in uno studio successivo del 2011.

Per quanto riguarda gli studi umani, gli autori della ricerca riassumono anche due sondaggi precedenti del 2010 e 2019, un trial clinico del 1975 e uno studio del 2006, i cui risultati complessivi sono, al meglio, del tutto incerti.

Nonostante tutto, gli autori spiegano che esiste una possibile spiegazione biologica per il trattamento dell’acufene con i cannabinoidi. Altri studi su animali hanno suggerito che l’espressione dei recettori dei cannabinoidi nel nucleo cocleare potrebbe variare in base ai sintomi dell’acufene. E poiché l’ipotesi più accettata per la patofisiologia dell’acufene riguarda qualcosa chiamato “ipereccitabilità neuronale”, un meccanismo osservato anche nell’epilessia, gli autori osservano che “esiste un potenziale ruolo dei cannabinoidi nella gestione dell’acufene attraverso i suoi effetti anticonvulsivanti.”

I recettori dei cannabinoidi aiutano con l’udito?

Infine, una ricerca di novembre 2020 su Frontiers in Neurology aggiunge ulteriore complessità e sfumature alla questione. L’articolo sottolinea saggiamente che gli studi sugli animali che mostrano come i cannabinoidi possano peggiorare l’acufene si sono concentrati sugli agonisti CB1. Ciò esclude composti come:

  • Recettori CB2, che influenzano la funzione immunitaria e sono “sempre più riconosciuti come essenziali per comprendere le risposte patologiche del sistema nervoso”;
  • Bersagli “non classici” dei cannabinoidi come i canali TRP, che mediano processi come la visione, il gusto, l’olfatto, il tatto e l’udito.

Sebbene le prove raccolte finora siano contrastanti e inconcludenti, sono anche incomplete. È enorme il potenziale per fare nuovi studi su animali che utilizzano cannabinoidi diversi dagli agonisti CB1 e per studi umani più solidi per apportare nuovi spunti a questa domanda.

In conclusione, sebbene la ricerca sul CBD e l’acufene sia ancora in corso e non ci siano ancora risposte definitive, è importante mantenere la mente aperta alle possibilità. Il CBD potrebbe non essere una cura per tutti, ma per alcuni pazienti potrebbe offrire sollievo da alcuni sintomi correlati all’acufene. Se stai considerando il CBD come possibile trattamento, ti consiglio di consultare un medico o un esperto prima di iniziare, in modo da valutare attentamente i potenziali benefici e rischi per la tua situazione specifica.

Gabriella Creaturini

Nutrizionista e appassionata di prodotti naturali.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 potenziali effetti collaterali dell’olio di CBD per cani: leggi questo prima di utilizzarlo

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?