Home » CBD News » Gli scalatori dovrebbero assumere CBD?
olio di CBD scalatori

Gli scalatori dovrebbero assumere CBD?

Il CBD è di gran moda in questi giorni. Venduto in qualsiasi formato, dalle tinture alle bombe da bagno ai dolcetti per cani, è ampiamente pubblicizzato come il toccasana del decennio. Come Starbucks o gli AirPods, il CBD è ovunque e, con un tale seguito di culto, è difficile non farsi prendere dall’entusiasmo.

“Adoro usare l’unguento al CBD dopo l’allenamento sui muscoli e sulle dita che ne hanno davvero bisogno!” ha dichiarato lo scalatore professionista Alex Puccio su Instagram.

“Come arrampicatrice, uso l’unguento sulle articolazioni delle dita/tendini dopo giorni brutali di arrampicata e allenamento con le dita per ridurre parte dello stress…”, ha scritto l’ex boulderista USA Team Lisa Chulich sul suo blog.

“L’ho usato quotidianamente per aiutarmi a ridurre il dolore notturno e l’infiammazione. A partire da quattro giorni dopo l’infortunio, sono stata molto meglio con questa crema.”

Ovviamente, leggendo tutte queste affermazioni, ti sembrerà che il CBD può fare più miracoli del sangue di San Gennaro: dall’eliminare l’ansia, aiutare a guarire i tendini e i muscoli doloranti, eliminare l’acne, migliorare la lucentezza dei capelli e altro ancora. Ma cos’è veramente il CBD e, cosa più importante, gli scalatori possono davvero trarne beneficio?

Cos’è il CBD?

Dr. Andrew Abeleira PhD, ex chimico per la ricerca e sviluppo nell’industria della cannabis, ha spiegato:

“Il CBD, come il THC, deriva dalle piante di Cannabis L. Sativa (alias Marijuana, erba o canapa), ma ha effetti biochimici e farmacologici sostanzialmente diversi nel corpo umano. Il THC è ben noto per le proprietà psicotrope della marijuana che inducono euforia. Il CBD, pur essendo psicoattivo, non è inebriante”.

I prodotti di consumo a base di CBD (ad es. oli di CBD, balsami o bevande) possono contenere CBD grezzo in diverse forme. Queste forme sono generalmente indicate come isolato di CBD e oli a spettro completo o ampio spettro. L’isolato, come si potrebbe intuire, contiene spesso oltre il 98% di CBD. Sia gli oli di CBD a spettro completo che quelli ad ampio spettro in genere contengono dal 70 al 90% di CBD, insieme ad altri cannabinoidi e sostanze fitochimiche presenti in natura. L’importante distinzione tra gli oli di CBD a spettro completo e ad ampio spettro è che gli oli a spettro completo contengono tracce di THC (meno dello 0,2% per legge). Un consumatore dovrebbe essere consapevole della tipologia di CBD grezzo che viene utilizzato in un prodotto, in quanto vi sono importanti differenze presunte negli effetti dello spettro completo:

“ci sono sostanziali prove aneddotiche e alcune prove precliniche che la presenza di questi altri composti negli oli a spettro completo e ad ampio spettro promuovono un effetto ‘sinergico’ che migliora l’efficacia del prodotto CBD per vari trattamenti”, osserva Abeleira. Ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’efficacia degli “effetti sinergici”.

Ma quindi, perché il CBD è così miracoloso? Come agisce sul corpo? Il corpo produce già cannabinoidi interni (noti anche come endocannabinoidi) attraverso il sistema endocannabinoide (ECS), che aiuta a mantenere l’omeostasi in tutto il corpo umano. Secondo il dottor Abeleira, l’ECS è autoregolato nel corpo e una miriade di fattori può causare una sottoregolazione degli endocannabinoidi, che può portare a infiammazione cronica, un sistema immunitario non sincronizzato, ansia, emicrania, depressione, ecc. I fitocannabinoidi esogeni (cannabinoidi assunti dal corpo), come il CBD, possono modulare positivamente l’ECS.

Pal Pacher, ricercatore del National Institutes of Health e presidente della International Cannabinoid Research Society, ha detto:

“I consumatori stanno partecipando a uno dei più grandi studi clinici incontrollati della storia e nessuno sa davvero cosa sta prendendo”.

Ecco perché è necessario stare attenti ad assumere la dose giusta di olio di CBD.

Modalità di consumo e dosaggio

Le offerte del mercato CBD sono infinite. C’è di tutto, pure le supposte. Quindi, qual è in realtà la migliore forma di CBD e a quale dose?

Il CBD viene rapidamente metabolizzato dallo stomaco e dal fegato e la maggior parte non ha la possibilità di entrare nel flusso sanguigno.

“Il CBD [ingerito] ha una biodisponibilità molto bassa, qualcosa tra il sei e il 15 percento, che varia da persona a persona”, ha detto Esther Blessing, professore alla New York University.

Blessing ha condotto studi clinici sull’effetto del CBD su pazienti con stress post-traumatico, ansia e altre condizioni e ha pubblicato diversi articoli sull’argomento. A causa della bassa biodisponibilità del CBD, potrebbero essere necessarie dosi elevate, in particolare se assunto per via orale.

“Non ci sono prove che dosi inferiori a 300 milligrammi di CBD abbiano alcun effetto in alcuna condizione psichiatrica”, ha affermato Blessing. “E infatti, gli studi di determinazione della dose mostrano che il dosaggio clinicamente efficace più basso di CBD per ridurre l’ansia è di 300 milligrammi.”

Jordan Tishler, specialista in terapie a base di cannabis e CEO/CMO di InhaleMD, ha fatto eco alla valutazione di Blessing.

“Il CBD in piccole dosi (da 10 a 40 milligrammi) semplicemente non è efficace”, ha detto.

Il problema è che assumere 300 milligrammi al giorno di CBD costerebbe fino a 250 Euro al mese o 3.000 Euro all’anno.

La buona notizia è che gli studi dimostrano che il sovradosaggio non da problemi. Uno studio del 2011 pubblicato su Current Drug Safety ha rilevato che una dose tossica di CBD è dell’ordine di 20.000 milligrammi, assunta quasi tutta in una volta.

Sebbene siano generalmente necessari ulteriori studi scientifici sul CBD, il CBD si è mostrato promettente nel trattamento di alcune patologie storicamente incurabili come il morbo di Alzheimer, l’artrite e gli effetti collaterali della chemioterapia. Per gli scalatori dipendenti dalla vitamina I (ibuprofene), potrebbe essere il modo più salutare per ridurre l’infiammazione sistemica.

Conclusione

In definitiva, la maggior parte dei ricercatori è entusiasta del CBD. Potrebbe non essere adatto a tutti, ma vale la pena esplorarlo, specialmente per chi soffre di dolore cronico.

“La mia esperienza con il CBD è stata molto positiva”, afferma il dott. Abeleira.

Circa quattro anni fa, Abeleira è caduto da un’altezza di 35 piedi. Nonostante tre successivi interventi chirurgici, la sua caviglia non sarà più la stessa.

“Durante quel periodo, [mentre mi riprendevo] assumevo giornalmente dosaggi da moderati ad alti di ossicodone. Avevo bisogno di eliminare gli antidolorifici e ho scoperto che l’assunzione di CBD durante il giorno riduceva gli effetti negativi dell’astinenza da oppiacei, aiutando anche a ridurre parte del dolore che stavo provando”.

Ora, Abeleira assume quotidianamente 60-120 milligrammi di CBD sotto forma di olio di CBD “a spettro completo”.

Il Dr. Abeleira ha offerto questo pensiero finale:

“Penso che il CBD e gli altri cannabinoidi abbiano un grande potenziale per migliorare la salute e il benessere umano, ma credo anche che la ricerca e la scienza a tale riguardo siano agli inizi. L’industria principale del CBD è molto giovane. Attualmente spetta al consumatore informarsi sulle origini e sulla qualità dei prodotti a base di CBD che consuma. Ovviamente deve stare alla larga da prodotti ingannevoli che può trovare in siti di scarsa qualità e dove non sono presenti studi clinici o altri test che confermano la qualità del prodotto”

Redazione Miglior Olio di CBD

Redazione del sito Miglior Olio di CBD. Scriviamo contenuti imparziali per guidare il consumatore in una scelta sicura e consapevoli. Non ci sostituiamo ai medici e, anzi, consigliamo sempre il parere di un medico prima dell'acquisto di un prodotto con CBD.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 potenziali effetti collaterali dell’olio di CBD per cani: leggi questo prima di utilizzarlo

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?