Home » CBD News » Cosa sono i terpeni e perché sono importanti?
terpeni cannabis

Cosa sono i terpeni e perché sono importanti?

Quali parti specifiche della pianta conferiscono alla cannabis qualità medicinali?

Per anni, la maggior parte delle persone si è concentrata sui contenuti psichedelici della pianta e sul tetraidrocannabinolo (THC). Tuttavia, nuove ricerche stanno portando a nuove conoscenze.

La scienza sta dimostrando come i cannabinoidi naturali, i flavonoidi e i terpeni agiscano insieme per potenziare l’efficacia della pianta nei confronti dei sintomi.

Di recente interesse sono i terpeni, i composti organici responsabili dell’aroma e del sapore della pianta. I ricercatori stanno indagando per scoprire quali terpeni svolgono determinate funzioni.

Cosa sono i terpeni?

I terpeni sono composti organici presenti in una vasta gamma di piante, tra cui la cannabis. Responsabili dell’aroma e del sapore, possono dare vari benefici per la salute quando vengono consumati.

I terpeni nella cannabis hanno recentemente guadagnato attenzione a causa dei loro potenziali benefici per la salute. Hanno proprietà antinfiammatorie, antifungine e ansiolitiche.

La pianta di cannabis contiene oltre 100 terpeni diversi, con ogni ceppo che contiene una combinazione unica, contribuendo a creare profili di sapore e profumo distinti. I terpeni più comuni presenti nelle piante di cannabis sono il mircene, il pinene, il limonene e il cariofillene. Ad esempio, il mircene è il terpene più abbondante nella cannabis e si ritiene abbia effetti sedativi, mentre il pinene è noto per la sua capacità di promuovere la concentrazione. Il limonene è considerato un potenziatore dell’umore e il cariofillene è noto per le sue proprietà antinfiammatorie.

Ricerche preliminari suggeriscono che i terpeni presenti nelle piante di cannabis lavorino in sinergia con altri composti, come i cannabinoidi e i flavonoidi, per produrre gli effetti terapeutici della pianta. Questo è noto come “effetto entourage“. I diversi elementi creano un effetto olistico che è impossibile raggiungere assumendo un solo componente.

Il più recente studio sui terpeni

Un nuovo studio pubblicato nel Journal of Cannabis Research mette in luce l’importanza dei terpeni e dei loro effetti medicinali. Per la prima volta, i ricercatori hanno confermato che i fiori di cannabis che contengono livelli più elevati di terpeni possono fornire un sollievo maggiore ai pazienti.

Lo studio ha analizzato i dati di oltre 6.000 sessioni di consumo e 600 prodotti unici di fiori di cannabis. I risultati hanno prodotto più di 450 combinazioni chimiche distinte di cannabinoidi e terpeni, note come “chemovari“. I cinque chemovari più comunemente consumati sono risultati differire significativamente nella loro efficacia nel trattare dolore cronico, depressione e ansia.

Ad esempio, i risultati mostrano che il sollievo dai sintomi era maggiore dopo che i pazienti avevano consumato varianti con livelli leggermente superiori alla media dei terpeni mircene e terpinolene.

Questa scoperta va ben oltre i nomi di ceppi arbitrari e le descrizioni di prodotti auto-assegnate della cannabis: mostra come diverse combinazioni chimiche producano risultati diversi nei pazienti.

I ricercatori suggeriscono che queste scoperte potrebbero essere utilizzate per sviluppare il primo sistema di indicizzazione al mondo per la categorizzazione delle varianti di cannabis. Con un “valore p” statisticamente significativo inferiore a 0,01, i risultati dello studio non sono anomali.

Naturalmente, questo è solo un primo passo. Gli studi futuri su qualsiasi sistema di indicizzazione dei chemovari dovrebbero valutare come le combinazioni distinte interagiscano con le caratteristiche dei singoli pazienti per produrre esperienze di consumo di cannabis generali e individualizzate.

Tuttavia, le implicazioni di questo studio sono chiare: è tempo di allontanarsi dai prodotti a base di cannabis che si basano solo sui nomi dei ceppi.

In passato, i nomi dei ceppi venivano utilizzati dai produttori e dai rivenditori come strumento di marketing, ma la modernizzazione e l’ibridazione della pianta di cannabis hanno reso questi nomi in gran parte irrilevanti. Ciò lascia ai consumatori poco controllo sui prodotti che consumano, rendendo difficile trovare le varianti che funzionano meglio per loro o evitare quelle che non lo fanno.

Questo vale anche per il CBD.

Cattivi attori in uno spazio non regolamentato spesso si traducono in prodotti che promettono il mondo. Queste pretese esagerate sono di solito infondate e, peggio ancora, arrivano da produttori che non testano i loro prodotti per purezza e potenza.

Ecco perché la ricerca sui terpeni e altri cannabinoidi è così importante: può aiutare i consumatori a capire meglio cosa stanno acquistando.

Ad esempio, il CBD con estrazione a spettro completo contiene diversi estratti di piante di cannabis, come i terpeni e altri cannabinoidi. Uno studio clinico in corso pubblicato su Nature supporta l’uso di olio di CBD full spectrum per il trattamento dell’ansia.

Se vogliamo portare la cannabis nel mainstream della medicina, dobbiamo approfondire la conoscenza della pianta e comprendere come le diverse combinazioni chimiche influenzino la salute degli utenti. Con ulteriori ricerche, possiamo avanzare verso un sistema di indicizzazione più affidabile che categorizzi le varianti di cannabis sulla base della loro composizione chimica, fornendo ai consumatori una maggiore trasparenza e controllo.

Simone Linucci

Mi chiamo Simone Linucci e collaboro con il sito miglior olio di CBD.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 potenziali effetti collaterali dell’olio di CBD per cani: leggi questo prima di utilizzarlo

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?