Home » CBD News » CBD Vs Kratom: differenze, benefici, effetti collaterali
kratom vs CBD

CBD Vs Kratom: differenze, benefici, effetti collaterali

L’argomento più in voga nel settore del benessere è costituito da due rimedi naturali: il kratom e il CBD. Derivati da piante, entrambi hanno un impatto simile sull’organismo e potenziali vantaggi per la salute. Tuttavia, c’è molto altro da considerare quando si esplorano le differenze tra i due.

La particolare composizione chimica di ciascun materiale vegetale fa sì che il CBD e il kratom abbiano effetti diversi sull’organismo.

Data l’abbondanza di prodotti a base di CBD e kratom, può essere difficile discernere quale sia quello ottimale e decidere quale sia quello giusto per le proprie esigenze individuali. Per aiutarvi a scegliere il prodotto ideale a base di CBD o kratom, abbiamo redatto questo confronto di prodotti a base di CBD e kratom, integrato da linee guida pratiche per scegliere quello che soddisfa le vostre esigenze di benessere.

Ricordiamo che il kratom non è legale in Italia, quindi è severamente vietato consumare questa sostanza.

Una panoramica sul Kratom

Il kratom è un’erba che sta guadagnando popolarità negli ultimi tempi. È stata usata per secoli nel sud-est asiatico, dove ha avuto origine, per scopi medicinali e ricreativi. Oggi è ampiamente disponibile in varie forme e molte persone – sotto prescrizione medica – la utilizzano per trattare diverse patologie.

Coltivato e raccolto dalle foglie dell’albero del kratom nel sud-est asiatico, questo rimedio naturale è stato consumato per secoli per alleviare il dolore e la fatica. I principi attivi principali – mitraginina e 7-idrossimetraginina – interagiscono con i recettori oppioidi situati nel cervello, fornendo sollievo dal dolore cronico e dal disagio, senza produrre effetti psicotropi particolari.

Una panoramica sul CBD

Il CBD, che è un cannabinoide naturale derivato dalla canapa, è stato vantato come rimedio in grado di alleviare una serie di condizioni, tra cui lo stress, l’ansia e il dolore sia cronico che acuto.

Il CBD non contiene elementi psicoattivi, quindi non crea alcun tipo di “sballo”. In Italia, il CBD è venduto nei negozi online e al dettaglio e viene estratto dalle piante di canapa, che contengono un numero molto inferiore di cannabinoidi psicoattivi rispetto alle piante di marijuana.

Esplorare le differenze tra Kratom e CBD

A prima vista, ci sono alcune somiglianze tra il CBD e il kratom: entrambi questi rimedi naturali sono noti per aiutare a contrastare il dolore, lo stress e l’ansia e sono entrambi ottenuti da piante.

Nonostante le somiglianze, il modo in cui il CBD e il kratom interagiscono con l’organismo è diverso. Le ricerche hanno rivelato che il CBD si lega al sistema endocannabinoide, mentre il kratom agisce sui recettori oppioidi del cervello. Il CBD non ha effetti psicoattivi, mentre il kratom ha un lieve effetto psicoattivo grazie al suo contenuto di mitraginina.

La vendita di prodotti a base di CBD è strettamente monitorata e deve essere ricavato da piante di canapa, che hanno una concentrazione di CBD molto più alta rispetto alla marijuana.

La FDA è l’unico ente normativo che controlla il kratom, e la potenza e la qualità dei prodotti a base di kratom possono variare. Il kratom non è legale in Italia mentre il CBD si, anche se ci sono alcune limitazioni.

Benefici di Kratom e CBD

È chiaro che entrambi i prodotti possono aiutare a contrastare il dolore acuto e cronico e a ridurre gli effetti di stanchezza, stress e ansia. Tuttavia, ogni prodotto offre benefici unici, che lo rendono un’opzione adatta a trattare problemi di salute specifici.

Per esempio, è stato scoperto che il CBD riduce le infiammazioni e aiuta a risolvere problemi che vanno dai dolori artritici al mal di testa costante; inoltre, il CBD è utile anche per gestire i sentimenti e può essere assunto come parte della terapia per problemi di salute mentale come la depressione o l’ansia.

Il kratom viene spesso prescritto dai medici per alleviare il dolore cronico, come l’artrite e il mal di schiena, in quanto può essere un’alternativa relativamente leggera ai farmaci tradizionali. Inoltre, può fornire alle persone una spinta energetica e ridurre i livelli di affaticamento.

Il CBD non compromette le capacità cognitive o la concentrazione, il che lo rende auspicabile per chi ha bisogno di assistenza in caso di insonnia o di problemi legati al riposo. D’altra parte, il kratom può fornire una leggera sedazione, che può essere un vantaggio per chi ha problemi di sonno.

Sia il CBD che il kratom possono essere acquistati in varie forme, come oli, capsule, edibili, prodotti topici e altro ancora.

Quando è il momento giusto per assumere il Kratom o il CBD?

Sebbene i due prodotti abbiano molti punti in comune e vantaggi, c’è un aspetto in cui si distinguono: il momento in cui devono essere utilizzati. In generale, i prodotti a base di CBD possono essere utilizzati in qualsiasi momento, indipendentemente dal giorno o dalla notte, poiché non provocano sedazione e non ostacolano le funzioni cognitive.

Al contrario, il kratom viene generalmente prescritto per essere usato la sera o per elevare momenti particolari della giornata. Questo perché le qualità psicoattive del kratom possono provocare una leggera sedazione che potrebbe non essere adatta alle attività diurne o a quelle che richiedono attenzione e concentrazione.

Qual è il modo migliore per scegliere il prodotto ottimale con Kratom o CBD?

Quando si sceglie il miglior prodotto a base di CBD o kratom, si devono prendere in considerazione gli stessi parametri.

Bisogna sempre cercare articoli di CBD e kratom testati in laboratorio per assicurarsi che contengano i componenti dichiarati sulla confezione. Le aziende riconosciute forniscono costantemente risultati di laboratorio scaricabili che illustrano la potenza e la presenza di CBD e kratom nel prodotto.

Quando si vuole acquistare CBD e kratom, è bene cercare prodotti biologici e non OGM. In questo modo la qualità del prodotto sarà più elevata e difficilmente saranno presenti dei contaminanti.

In definitiva, è essenziale cercare articoli prodotti da aziende affidabili che aderiscono ai valori di chiarezza, uniformità e controllo della qualità. Per quanto riguarda i prodotti con CBD noi consigliamo con fermezza il CBD Shop Crystalweed, che cura molto bene i suoi prodotti.

Possibili effetti collaterali legati al consumo di Kratom e CBD

È importante sapere che entrambi questi prodotti possono potenzialmente causare alcuni effetti collaterali.

A dosi più elevate, il kratom può causare una serie di effetti collaterali, come nausea, vomito, costipazione (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16946411/), perdita di appetito, accelerazione della frequenza cardiaca o aumento della pressione sanguigna e vertigini. Inoltre, per chi non pratica uno stile di vita sano, un uso eccessivo di kratom può portare a insonnia, irritabilità e persino dipendenza.

Chi fa un uso responsabile del kratom può evitare qualsiasi effetto collaterale. Almeno così affermano le ricerche scientifiche. Il kratom è una scelta adatta e sicura per chi cerca un modo per gestire il dolore o altri problemi di salute senza essere esposto ai potenziali rischi dell’assunzione di farmaci.

Sebbene gli effetti collaterali associati al CBD siano minori rispetto al kratom, bisogna menzionare la secchezza delle fauci, sonnolenza, variazioni dell’appetito e/o del peso. Se assunto frequentemente e a dosi elevate, il CBD non provoca di solito lo stesso grado di dipendenza o gli stessi effetti collaterali negativi del kratom.

In conclusione, chi è interessato ad acquistare prodotti a base di kratom e CBD dovrebbe sempre consultare il proprio medico e comprarli da un negozio affidabile.

È possibile combinare il Kratom con il CBD?

Non è una buona idea combinare più integratori per migliorare la salute e il benessere, poiché potrebbero verificarsi interazioni tra gli ingredienti. Pertanto, si consiglia di non miscelare prodotti a base di kratom e CBD senza aver prima consultato un medico.

I resoconti degli utenti suggeriscono che molte persone combinano kratom e CBD poiché ritengono che la stimolazione dei recettori degli oppioidi da parte del kratom e il supporto del sistema endocannabinoide da parte del CBD lavorino insieme in modo positivo.

Marco Cinofilini

Proprietario di un’erboristeria e sostenitore del CBD come rimedio naturale per trattare diverse condizioni di salute.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 potenziali effetti collaterali dell’olio di CBD per cani: leggi questo prima di utilizzarlo

Olio di CBD per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva? Ecco cosa dice questa ricerca

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?