Home » CBD News » Cannabis e immunoterapia per il cancro sono compatibili?
Cannabis e immunoterapia per il cancro sono compatibili

Cannabis e immunoterapia per il cancro sono compatibili?

La cannabis e l’immunoterapia hanno entrambe guadagnato terreno nel campo dell’oncologia negli ultimi anni – una per aiutare a trattare i sintomi e l’altra come alternativa più delicata alla chemioterapia – ma c’è stata una certa preoccupazione per i malati di cancro che usano entrambi. La prima potrebbe interferire con la seconda. Uno studio recentemente pubblicato sull’European Journal of Cancer, tuttavia, suggerisce che potrebbe non esserci nulla da temere.

I farmaci chiamati inibitori del checkpoint immunitario sono una forma di immunoterapia che ha migliorato, con un migliore targeting ed effetti collaterali meno gravi, il trattamento di molti tumori, incluso il carcinoma polmonare. Gli inibitori del checkpoint immunitario vengono somministrati di routine come trattamenti di prima linea per il NSCLC, da soli o in combinazione con la chemioterapia.

Anche la cannabis è diventata molto utilizzata tra i malati di cancro negli ultimi dieci anni, parallelamente alla sua crescente accettazione da parte della società e all’espansione dell’uso medico. Oltre alla ricerca preclinica e ai resoconti aneddotici che indicano che i cannabinoidi possono avere effetti anti-cancro, la cannabis è anche ben nota per mitigare molti sintomi ed effetti collaterali del cancro e del trattamento del cancro, tra cui nausea, dolore e appetito soppresso.

Quali sono le preoccupazioni?

Le preoccupazioni sulla potenziale incompatibilità di questi due trattamenti derivano dal fatto che il recettore dei cannabinoidi CB2 è prevalentemente espresso dalle cellule immunitarie e la sua attivazione può sopprimere la funzione immunitaria. Le immunoterapie come gli inibitori del checkpoint immunitario dipendono da una risposta robusta del sistema immunitario per svolgere al meglio il proprio lavoro. È almeno plausibile, quindi, che la cannabis possa interferire con l’immunoterapia: invece di aiutare, potrebbe effettivamente ferire il sistema immunitario.

In effetti, questo è esattamente ciò che hanno detto due studi di un gruppo di ricerca israeliano nel 2019 e 2020 anche se, come sostengono subito gli autori del nuovo documento, anch’essi con sede in Israele, quelle scoperte non erano del tutto corrette.

“Questi studi includevano pazienti con vari tumori, regimi di trattamento e linee di terapia e sono stati somministrati [inibitori del checkpoint immunitario] in linea avanzata poco prima della morte”, scrivono gli autori della revise del documento.

“In queste circostanze, l’uso della cannabis è spesso un mero surrogato di malattie sintomatiche ad alto carico”.

Non è una sorpresa trovare due gruppi di ricerca in Israele che affrontano la stessa questione. Non solo il paese è leader globale nella scienza della cannabis, ma la cannabis medica è il farmaco più prescritto per i malati di cancro a livello nazionale, utilizzato da più di 10.000 persone.

THC per i tumori?

Per indagare ulteriormente sulla questione se la cannabis possa ridurre l’efficacia degli inibitori del checkpoint immunitario, i ricercatori hanno inserito due test separati nel nuovo studio: uno studio osservazionale retrospettivo su pazienti umani con NSCLC e un esperimento di laboratorio che utilizza un modello murino di cancro del colon-retto.

“Con il crescente uso di cannabis terapeutica in tutto il mondo, questa scoperta è di grande importanza clinica”.

Lo studio umano in sé e per sé è degno di nota. Sebbene esistano molte prove precliniche che dimostrano gli effetti antitumorali dei cannabinoidi, gli studi clinici che indagano sulle relazioni tra l’uso di cannabis e gli esiti del cancro nei pazienti reali sono rari.

Nei 201 pazienti affetti da carcinoma polmonare presso il Tel-Aviv Sourasky Medical Center che hanno ricevuto l’inibitore del checkpoint immunitario pembrolizumab come trattamento di prima linea, il tasso di progressione del tumore nel corso degli anni di follow-up clinico è stato simile tra i pazienti a cui è stata prescritta la cannabis medica (102) entro il primo mese di trattamento e i pazienti a cui non è stata prescritta cannabis (99). Inoltre, non sono state osservate differenze statisticamente significative nella sopravvivenza globale tra i due gruppi di pazienti.

Nella parte animale dello studio, i ricercatori hanno trattato un totale di 30 topi portatori di tumore con:

  1. un estratto di cannabis ad alto contenuto di THC (a due diverse concentrazioni);
  2. un farmaco inibitore del checkpoint immunitario;
  3. immunoterapia più cannabis (sempre a due diverse concentrazioni);
  4. un veicolo di controllo inattivo, con da sette a nove individui in ciascun gruppo.

Il volume del tumore e il tasso di sopravvivenza sono stati valutati nei topi nelle settimane e nei mesi successivi.

Un sospiro di sollievo

Qui, ancora una volta, le scoperte dei ricercatori sono inequivocabili e, ancor più significativamente, si allineano con quelle dello studio umano. Il trattamento con la cannabis non ha alterato l’efficacia (nel bene o nel male) dell’immunoterapia.

Inoltre, i topi trattati solo con cannabis se la sono cavata leggermente meglio rispetto agli altri topi nel gruppo di controllo sia in termini di tasso di crescita del tumore che come tasso di sopravvivenza.

“I nostri dati suggeriscono che l’uso di cannabis in concomitanza con gli inibitori del checkpoint immunitario non riduce l’efficacia del trattamento nel NSCLC”, concludono gli autori della ricerca. Con il crescente uso di cannabis terapeutica in tutto il mondo, questa scoperta è di grande importanza clinica”.

Il lavoro futuro (idealmente sotto forma di studi clinici randomizzati, o almeno prospettici, per produrre le migliori prove possibili) potrebbe testare l’applicabilità di questi risultati ad altri tumori, combinazioni di trattamenti ed estratti di cannabis. Ma per ora, almeno, possono offrire – come suggerisce il sottotitolo stesso dell’articolo – un “sospiro di sollievo” per coloro che sono preoccupati per il ruolo della cannabis nell’immunoterapia del cancro.

Marco Cinofilini

Proprietario di un’erboristeria e sostenitore del CBD come rimedio naturale per trattare diverse condizioni di salute.

Leave a Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual è il momento migliore della giornata per assumere l’olio di CBD?

Cos’è successo al 33° Raduno Annuale dell’International Cannabinoid Research Society (ICRS)? Quali sono le nuove scoperte a tema CBD?

Gli assistenti di volo sono stati messi in guardia: attenzione ai prodotti a base di CBD